Vacanze in Riviera Adriatica Informazioni e link utili per le proprie vacanze al mare
Vacanze Riviera Adriatica
Hotel Cesenatico - Vacanze in Romagna - Sport in Riviera Adriatica - Divertimenti in Riviera

 


Ricetta Piadina Romagnola
Ricette Romagnole da provare nei migliori
Hotel e alberghi della Riviera

Ricetta Piadina romagnola Originale


kg 1 di farina
g 80-100 di strutto (o di olio di oliva)
g 25 di lievito di birra (o una bastino di
lievito in polvere o g 5 di bicarbonato di sodio)
un cucchiaino di zucchero (o miele o malto d'orzo)
circa un bicchiere di acqua frizzante e un bicchiere di latte tiepido (Si può usare, in alternativa, birra, soltanto latte o soltanto acqua)
sale (circa 25 g)


Sciogliete il lievito nel latte tiepido con lo zucchero (o altro elemento dolce). Formate sulla spianatoia una fontana con la farina e impastatela con tutti gli ingredienti, tenendo il sale per ultimo. Lavorate con cura, fino a ottenere un impasto liscio. Lasciatelo riposare
per almeno un'ora e quindi, con il mattarello, formate dei cerchi di diametro variabile tra i 15 e i 30 cm. Lo spessore è variabile secondo i costumi della zona in cui la piadina viene prodotta, ma non dovrebbe mai superare il mezzo centimetro.
La cottura ideale avviene sui testi (speciali dischi) di terracotta refrattaria, arenaria o altra pietra resistente al calore, o di ghisa, messi ad arroventare possibilmente su braci di legna o carbonella o sul fuoco del gas. In mancanza del testo si può usare una padella di ferro.
Per cuocere le piade, riscaldate i testi e cuocetele prima da una parte e poi dall'altra, bucherellandole con la forchetta, nei punti in cui dovessero formarsi delle bolle.
Sistematele in piatti o cestini, coprendole con un tovagliolo o un canovaccio e servitele caldissime con l'accompagnamento prescelto.

Nuove ricette "quick"? Seguici su Facebook

Seguici su Facebbok

Ricetta Piadina Romagnola senza strutto


Dose per piadina integrale:
Kg 1 di farina
g 100 di crusca
mezzo bicchiere di olio d'oliva
dl 5 di latte o latte e acqua frizzante
g 25 di lievito di birra (o una bustina di lievito in polvere o g 5 di bicarbonato di sodio)
sale
In alcune zone la piadina o pida, viene lavorata, in modo da sfogliarsi leggermente, per risultare ancora più fragrante.
Per ottenere questo risultato si impastano gli ingredienti, si tira il composto con il mattarello e lo si ripiega più volte su se stesso (proprio come per la pasta sfogliata), ungendolo ogni volta con strutto oppure olio.
La piadina romagnola si può impastare con acqua - meglio se frizzante -, con latte, con acqua e latte, con acqua e vino, con birra o acqua e birra.
La versione antica non prevedeva l'uso di alcun elemento lievitante, ma oggi risulta più gradevole se leggermente lievitata. Così si può usare il bicarbonato di sodio, la dose per pizze e torte salate (lievito in polvere), il lievito di birra o il lievito naturale.
Il grasso per eccellenza utilizzato per rendere fragrante la piada è lo strutto di maiale. Oggi alcuni lo sostituiscono con burro, o ancor meglio, olio di oliva.

Ricetta Piadina romagnola coni Ciccioli


Dose per la piada con i ciccioli:
g 600 di farina
g 30 di burro
2 cucchiai di olio di oliva (o strutto)
g 120 di ciccioli romagnoli tagliati a dadini
g 20 di lievito in polvere o g 25 di lievito di birra
acqua tiepida (meglio se frizzante)
3 cucchiai di vino bianco secco
sale

La piadina calda e fragrante gradisce la compagnia di molti ingredienti.
La si può gustare appena fatta, come una merenda, scegliere l'abbinamento prediletto (prosciutto, salame o squacquerone e rucola), oppure organizzare una "piadinata", portando in tavola un po' di tutto: sarà gradevole sorpresa per i commensali.

• La storia della piadina
Antica ricetta per la sua preparazione
• Il crescione (o cassone)


 

 

Vacanze in Romagna
 
Vacanze a Cesenatico
 
Sport Riviera Adriatica
 
Eventi Riviera Adriatica
 
Divertimento in Riviera
Mappa - Partners - © Copyright www.euradria.it